MYTAXI INCONTRA…

ADELIO ADRIANO BURELLI

MYTAXI INCONTRA…

La grande famiglia di mytaxi è formata da persone speciali: un gruppo molto vario di tassisti, sì, ma, prima di tutto, un gruppo di uomini e donne con passioni, interessi e passatempi in grado di riempire ed animare la giornata lavorativa, tra una corsa e l’altra.


Inauguriamo quest’oggi una nuova rubrica del blog dove ogni mese ci farà piacere raccontarvi la vita di uno di voi, qualche abitudine particolare e ciò che vi incuriosisce quando non siete nel vostro taxi… e, perché no, anche quando siete a bordo!


Il primo mytaxista che abbiamo incontrato è stato Adelio Adriano Burelli, nato a Carsoli ma sbarcato a Roma all’età di dodici anni. Appassionato da sempre di racconti e letture, nell’arco degli anni ha coltivato moltissimi e disparati interessi, dal gioco degli scacchi all’informatica, per poi decidere di seguire la sua prima vocazione: la scrittura.



Il suo ultimo libro pubblicato è “Taxi Live”, una raccolta di aneddoti e testimonianze sia della sua vita da tassista che di quella dei suoi colleghi, tutti raccontati in maniera ironica, divertente e briosa. 

 

                                            ​


Scopriamo qualcosa in più su di lui:


Adriano, incontrare un tassista scrittore è piuttosto insolito. Come si conciliano queste due professioni?


In realtà è molto semplice: l’esperienza che si acquisisce a bordo di un taxi, intendo l’esperienza nel contatto umano con le persone e quindi l’esperienza nel parlare, confrontarsi, raccontare… soprattutto l’esperienza nell’osservare ciò che accade di diverso o di strano nel mondo è proprio ciò che dà lo spunto iniziale nel raccontare, nel narrare e quindi scrivere le storie di tutti i giorni.


Quando e come è nata la passione per la scrittura?


Questa passione è nata ben quarantadue anni fa, quando ho iniziato a fare questo mestiere. Già allora avevo l’esigenza di mettere nero su bianco gli aneddoti divertenti che mi accadevano ogni giorno. Eppure non ho iniziato da subito a scrivere, questo perché non pensavo di non esserne capace. Come dire… dovevo ancora maturare quella consapevolezza che adesso mi permette di sentirmi sicuro di me stesso. Quindi ho iniziato a prendere degli appunti, pensando che, in un futuro, magari collaborando con uno scrittore o con un giornalista, avrei potuto dar voce a tutte queste storie. Alla fine, con il passare degli anni, ho deciso di far tutto da solo… e così finalmente è iniziata questa mia attività che mando tutt’ora avanti con orgoglio e dedizione.


Qual è il momento della giornata in cui ti dedichi al tuo hobby?

Sia mentre sono a lavoro e sia quando, ovviamente, sono a casa. Per poter soddisfare questa mia continua voglia di scrivere, soprattutto per poter appuntare in tempo reale episodi e aneddoti divertenti che mi accadono ogni giorno sul taxi, ho deciso di portare sempre con me un notebook, che sistemo sul volante nei momenti di pausa e in attesa. La mia passione, quindi, è sempre con me a portata di mano, un po’ come mytaxi.


Il tuo ultimo libro, “Taxi Live”, raccoglie gli aneddoti più divertenti e strani della vita dei tassisti. 

Qual è la cosa più curiosa o significativa che è accaduta a bordo del tuo taxi?


Mi viene in mente un episodio accaduto nel 2009, quando una signora molto avanti con l’età cercò di salire a fatica sul mio taxi, accompagnata dalle esortazioni poco carine da parte del figlio. Nel tentativo di difendere la povera signora, e dicendo al ragazzo che avrei potuto anche attendere qualche secondo in più, il figlio della signora mi ha azzittito dicendo di conoscerla e di non avere una buona opinione di lei. Sorvolando sulle parole da lui utilizzate, sono rimasto molto scosso da questo fatto a tal punto che, nei giorni successivi, mi sono sentito continuamente tormentato, pieno di pensieri. L’unico modo per uscirne, mi sono detto, era di mettere su carta tutta la mia angoscia e così, venti minuti dopo, è nata una poesia di cui vado molto fiero, “La Vecchia”, e finalmente ho ripreso il controllo su me stesso.


Concludendo, come ti trovi con mytaxi? 

Cosa ti piace dall’App?


Con mytaxi non mi trovo bene, di più! L’App è completissima, è veramente una bella applicazione, perfetta in ogni funzionalità. Inoltre, è una realtà seria, precisa e puntuale nei pagamenti, cosa che noi mytaxisti apprezziamo particolarmente. 

Io la consiglio davvero a tutti!


                                             



Partner importanti: